Nel mio trattamento non ci sono differenze tra uomini, donne, ragazzi, perché viene usato sempre lo stesso approccio, basato sul rispetto per il corpo fisico, l’attenzione per i dettagli e l’attenzione alla parola e alla scrittura. Non seguo uno schema, ma lascio che le mie mani mi conducano nel punto in cui la persona ha più necessità di sciogliere le tensioni.

Nel frattempo ogni indicazione che mi regala il corpo, o il mio istinto, o la mia anima, o la comunione delle nostre anime, viene scritto su un foglio per tutta la durata del massaggio, per poi essere condivisa dopo l’ora del trattamento.

Al termine della seduta consegno alla persona la lettera in cui ho appuntato ciò che ho sentito.

La lettura e la consegna della lettera sono ogni volta, per me e per chi la riceve, fonte di grande emozione, apertura, comprensione e chiarezza.

L’intento della lettera è quello di spronare l’individuo a lasciare andare le paure, il dolore e la sofferenza che pesano sull’anima.

La lettera è impulso ad aprirsi a qualcosa di nuovo.